Cerca
  • Laguna Lovers

Isola di Pellestrina, Venezia 1972

Abitava da sempre la grande casa che dava sull'acqua.

Non vi viveva, preciso. La abitava.

E da essa ne usciva, al calare del sole.

E ripeteva, monocorde, il medesimo, tortuoso percorso, di calli e campielli.

Gli abitanti, stretti nelle loro piccole case, ne erano terrorizzati.

La sua immensa statura annichiliva gli animi di quei piccoli uomini dalla pelle scura, che sapevano solo pescare e pregare.

Egli, era stato avvistato molte volte. Seguito, un paio.

Braccato, pure.

Ma era sempre riuscito a sfuggire. Braccando poi, a sua volta, chi si avventurasse fuori casa la notte.

E chi non faceva ritorno a casa, si diceva l'avesse preso il mare, per non alimentare i già oscuri racconti che riempivano le taverne, le chiese, le calli.



26 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Kaputt mundi